Domanda difficile. Per rispondere in maniera attendibile possiamo partire da un presupposto, quello per cui un Azienda è moderna se prende seriamente considerazione i seguenti aspetti:

 

L’avvento di Internet ha offerto alle aziende la possibilità di gestire il proprio business con più tempestività, con maggiore precisione, con maggiori possibilità in termini di tempo e spazio e con una più ampia offerta per il cliente.

Quasi la totalità delle aziende ha creato siti Web per informare i clienti e promuovere i propri prodotti e servizi.

Sono state create reti Intranet per facilitare le comunicazioni e lo scambio di informazioni fra le varie risorse perchè questo contribuisce a sostenere la percezione del gruppo.

Molte imprese hanno creato delle reti extranet con i principali fornitori e distributori, per promuovere l’interscambio di informazioni, ordini, transazioni e pagamenti.

Microsoft è gestita interamente in modo elettronico. In azienda è difficile che le informazioni vengano trasmesse su carta poichè tutto appare sullo schermo di un computer.

Molte aziende oltre a fornire ai visitatori informazioni sull’attività, sulla sua storia, sulle sue politiche, sui suoi prodotti e sulle sue opportunità di lavoro, offrono la possibilità di effettuare transazioni in rete supportate da tutte le informazioni necessarie ed offrono anche la possibilità di interagire criticamente.

L’e-commerce ha dato origine ad attività di e-purchasing ed e-marketing. Tramite attività di e-purchasing, le aziende possono decidere di acquistare beni, servizi e informazioni da vari fornitori online.

Le attività di e-purchasing consentono alle aziende di risparmiare ingenti somme.

L’e-marketing descrive i tentativi di un’azienda di informare, comunicare, promuovere e vendere i propri prodotti e servizi via Internet. La lettera “e” viene utilizzata anche in termini come e-finance, e-learning ed e-service. Ma, secondo molti, prima o poi la lettera “e” sparirà, in quanto la maggior parte delle attività verrà condotta unicamente online.

Un’azienda moderna permette di concludere la maggior parte delle transazioni tramite internet.

Un’azienda moderna sa che lntemet è particolarmente utile per prodotti e servizi per i quali l’acquirente cerca una maggiore comodità nell’ordine o un costo più basso.

 

 

 

Inoltre sa che Internet si rivela indispensabile quando gli acquirenti richiedono informazioni sul prodotto e i relativi prezzi.

Sa che gli utenti usano Internet anche per conoscere altre persone, per incontrarsi o per trovare nuove amicizie.

Sa che a differenza di ieri gli acquisti su internet avvengono anche relativamente a prodotti che andrebbero toccati e provati. Siano essi un divano, un paio di scarpe o un paio di pantaloni.
Che oggi, in rete si acquistano fiori, bottiglie di vino pregiato  e perfino mutui per la casa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una azienda moderna agisce come segue:

Individua i clienti più promettenti.

Offre al cliente un’esperienza totale.

Semplifica i processi di business che hanno un impatto sul cliente.

Ha una visione completa delle relazioni con i clienti.

Lascia che il cliente proceda da solo.

Aiuta i clienti. a definire ie proprie esigenze.

Fornisce un servizio personalizzato.

Ha a cuore le necessità economiche del cliente.

 

 

 

Un’azienda moderna sa che i consumatori online sono più benestanti e più istruiti rispetto al resto della popolazione.
Sa che, man mano che le persone scoprono l’accesso a internet, la popolazione del cyberspazio diventa più varia e differenziata.
Sa che gli utenti più giovani useranno con più probabilità internet per attività di intrattenimento e per socializzare.
Che il 45% degli utenti ha più di 40 anni e utilizza Internet per investimenti e per attività con un maggior peso economico. ‘
Che nell‘era dell’informazione, il processo di scambio è sempre più attivato e controllato dal cliente.
Che gli operatori di marketing e i loro rappresentanti devono attendere che i consumatori li invitino a parte-
cipare allo scambio. Ma che anche quando gli operatori di marketing entrano nel processo di scambio, sono
i clienti a definire le regole di coinvolgimento.
Che i clienti scelgono le informazioni di cui hanno bisogno, le offerte cui sono interessati e il prezzo che
intendano pagare.
Che i siti B2B migliorano ulteriormente l’efficienza dei mercati.
Che mentre nel passato, gli acquirenti potevano raccogliere con molta fatica le informazioni sui fornitori presenti a livello mondiale, oggi grazie ad internet hanno accesso a molte informazioni, attraverso i siti di chi propone, di chi fa intermediazione, di comunità di consumatori, di informazioni sui prodotti, dei fornitori.
Che l’impatto finale di questi meccanismi e quello di rendere più trasparenti i prezzi.
Che nel caso dei prodotti non differenziati, si otterrà un incremento nella pressione sui prezzi.
Che nel caso di prodotti molto differenziati, gli acquirenti avranno un’idea migliore del loro vero valore.
Che i fornitori di prodotti di migliore qualità otterranno benefici da una maggiore trasparenza dei prezzi e da una maggiore trasparenza del valore.
Che i fornitori di prodotti non differenziati dovranno invece ridurre i propri costi per rimanere in competizione.
Che col passare del tempo la transazione priva di un corredo fortemente informativo non esisterà più.