Qual’è l’operato e l’obiettivo della consulenza strategica?

 

 

Analizzare elaborare migliorare sviluppare incrementare le prestazioni ed il mercato di un’Azienda.
(Sono esclusi da questo tipo di consulenza il comparto amministrativo e fiscale.)

 

Una qualsiasi Azienda del terziario assembla un prodotto o fornisce un servizio. In entrambi i casi offre i suoi lavori ad un certo mercato, più esattamente al suo mercato di riferimento.
Nel farlo si deve confrontare con alcune problematiche, le principali ovvero quelle da cui dipende principalmente il suo successo, sono due: quelle relative alla realizzazione di ciò che si offre, quelle relative alla comunicazione interna ed esterna all’Azienda sia nella sua dimensione analogica che logica.

Per entrambi i comparti (elaborazione dell’offerta e comunicazione) l’applicazione della cultura del marketing o, meglio ancora quella del marketing management di Philip Kotler) rappresenta la via maestra per migliorare le prestazioni della propria azienda.

Ovvero, quanto più l’Azienda è marketing orientata tanto più i suoi utili saranno elevati. E questo, è universalmente riconosciuto e scientificamente provato.

Il prodotto non deve essere semplicemente il risultato di ciò che si sa fare, deve essere prima di tutto costruito intorno ai desideri ed alle necessità del mercato.

Il servizio non deve essere semplicemente fornito in base al proprio know how, deve nascere ed essere strutturato in base ai reali bisogni della clientela.

 

 

Interviste / Casi d’esempio.

 

 

AZIENDA DI PRODUZIONE

 

 

 

La nostra è una piccola impresa artigiana. Siamo una famiglia che da sempre produce pasta. Ogni componente della famiglia ricopre un ruolo manageriale all’interno dell’Azienda.
Siamo proprietari di terreni che producono un ottimo grano, siamo proprietari di due mulini, abbiamo un organico composto da risorse serie ed affidabili.
Il nostro prodotto è ottimo. Nasce dalla nostra ultradecennale esperienza. Allo stato attuale abbiamo una produzione di 900.000 quintali annui.
Negli ultimi tempi il nostro fatturato si è andato assottigliando. Dal momento che il nostro prodotto non è mai sceso nella qualità, abbiamo individuato le cause del crescente insuccesso nella crisi economica e nell’aumento dei competitors.
Abbiamo interpellato uno studio di consulenza di marketing management per l’analisi la pianificazione e lo sviluppo delle aziende del terziario.
Dopo un paio di incontri preliminari, abbiamo deciso di affidare allo studio l’analisi della nostra azienda.
Per prima cosa lo studio ha preso coscenza della nostra struttura nella sua interezza, poi ha preso conoscenza del nostro prodotto, ha esaminato la nostra pubblicità, il nostro packaging, la nostra rete commerciale, ha parlato con i vari operatori.
Ha valutato la nostra dimensione on line, il nostro sito e le prestazioni del nostro e-commerce. Ha esaminato le prestazioni dei nostri competitors. Ha integrato il proprio know how con i dati ed i redazionali relativi alle nuove tendenze di mercato.
I risultati dell’analisi sono stati discussi tra la nostra Governance e lo studio in sede di riunione.
E’ stato tutto molto interessante e spesso sorprendente. Abbiamo scoperto aspetti della nostra azienda che non conoscevamo. Siamo venuti a conoscenza di caratteristiche dei nostri competitors che non immaginavamo.
Ma soprattutto ci siamo resi conto che fino ad oggi abbiamo operato offrendo al mercato quello che produciavamo mentre invece, stando alle strategie di marketing più attuali dovremmo produrre quello che il mercato chiede.
Anche il nostro modo di comunicare è risultato datato e la nostra dimensione on line incluso l’è-commerce è risultata poco efficace.
Tutte le varie analisi non si sono limitate alla valutazione dello status quo dei vari settori e alla redditività delle varie azioni, ma è stata corredata di ciò che andrebbe fatto o modificato, specificandone i costi presunti, i tempi e i mezzi.
Siamo anche venuti a conoscenza che certe azioni potevano essere svolte con dei costi inferiori, mentre altre che sarebbero risultate le più redditizie, non le avevamo nemmeno prese in considerazione.
Abbiamo così scoperto ciò che possiamo fare meglio e da soli e ciò che invece risulterebbe più opportuno affidare a terzi, non da ultimo allo studio autore dell’analisi.
Quest’ultima è stata realizzata in circa un mese ed è costata 5.500 di euro più iva. Di cui abbiamo pagato il 50% al conferimento d’incarico ed il restante 50% alla consegna della relazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AZIENDA DI SERVIZI

 

Ho un albergo di 40 camere. L’ho rilevato una decina di anni fa. In passato ho viaggiato con una occupazione media del 70% poi sono salito un po’, poi un paio di anni fa sono sceso al 60%.
Ho provato a modificare alcuni fattori, alcuni servizi, alcuni accordi. Le cose però non cambiavano. A quel punto ho deciso di cercare chi fosse stato in grado di offrirmi una consulenza marketing per la pianificazione e sviluppo della mia attività.
Lo studio che ho contattato, dopo una serie di accordi ha sviluppato un’analisi di come siamo organizzati, di come comunichiamo, degli arredi delle stanze, dei servizi accessori, di come siamo presenti su internet e di come operiamo in rete.
L’analisi è risultata molto interessante. In essa sono state anche descritte le strategie da mettere in atto per migliorare gli utili di impresa.
Per lo sviluppo delle strategie indicate ci siamo serviti dello studio stesso ed abbiamo ottenuto quasi subito risultati molto positivi. L’analisi preliminare è durata una ventina di giorni ed è costata 4.500 euro più iva. La consulenza successiva è ancora in corso.